Il dibattito sul celibato


di aradejin “www.kath-kommentar.de” del 17 marzo 2017 (traduzione: http://www.finesettimana.org)

La Conferenza episcopale tedesca ha discusso sul celibato dei preti. In internet sono circolate opinioni diverse, dall’ipotesi che il celibato potesse essere soppresso, alla possibilità che cosiddetti “viri probati” potessero essere ammessi all’ordinazione. Il dibattito sul celibato non è sorto solo recentemente, è stato presente nella storia della Chiesa fin dal 304 dopo Cristo.

Celibato o astinenza sessuale?

Diaconi, preti, vescovi e altri chierici avevano, prima dell’ordinazione, la possibilità di contrarre matrimonio. Nella prima grande discussione sul matrimonio dei componenti del clero non si discuteva sul celibato, ma ci si chiedeva se i preti dovessero vivere in astinenza. Nel Sinodo di Elvira nel 306 si decise per l’astinenza del clero. Il Sinodo chiedeva ai preti, ai vescovi e ad altri componenti del clero l’astinenza sessuale.

Il passo era ritenuto necessario per garantire la purezza del culto. Decisivo era che i preti potessero celebrare da puri la liturgia senza contaminazione del culto, affinché l’azione di Dio potesse dispiegarsi in maniera speciale.
Solo nell’Alto Medioevo si hanno notizie della discussione sul celibato. Nel 1022, papa Benedetto VIII e l’imperatore Enrico II decretarono il celibato dei chierici. Nel 1139, papa Innocenzo II dichiarò che il celibato valeva per tutto il clero del mondo. Il celibato aveva una motivazione analoga all’astinenza: i chierici dovevano mantenere la purezza del culto. Essendo prevista la celebrazione quotidiana di liturgia, un chierico doveva sempre essere pronto per la celebrazione. Da non sottovalutare è anche l’argomento relativo alla trasmissione ereditaria della proprietà dei chierici. C’era la preoccupazione che i preti sposati trasmettessero la proprietà della chiesa ai loro figli. Ai preti già sposati furono quindi tolti la funzione e la proprietà, e le trasgressioni al celibato furono perseguite con pene pesanti.

La nuova disposizione del papa incontrò poca simpatia. In Germania si giunse a forti proteste durante le comunicazioni ufficiali. In particolare i chierici delle classi inferiori si ribellarono contro la nuova disposizione. Il vescovo di Passau, ad esempio, sfuggì a malapena, durante l’annuncio, al clero inferocito.
Nonostante tutte le proteste, l’introduzione del celibato fu attuata e divenne presupposto per l’ordinazione presbiterale.
Possibilità di sposarsi?
Nel corso del tempo si verificarono nella Chiesa degli avvenimenti per i quali si rese necessario un compromesso sulla tematica del celibato. L’unione con le Chiese cattoliche d’Oriente come la Chiesa melchita o ucraina, mise in discussione il celibato. Nella tradizione bizantina del cristianesimo, i preti sposati sono una normalità.
Fino ad oggi, prima dell’ordinazione, i candidati preti possono sposarsi, ma solo nella Chiesa cattolica d’Oriente e solo nel paese della Chiesa rispettiva. Così i cristiani uniati cattolici in Ucraina, se appartengono alla chiesa cattolica d’Oriente, possono sposarsi.
Ci sono anche diverse dispense. La prima dispensa riguarda i preti convertiti provenienti dalla Chiesa anglicana o protestante. Se erano preti sposati prima della conversione, sia il matrimonio che l’ordinazione continuano ad essere validi. Così si è cominciato ad avere una piccola quota di preti cattolici sposati. Con la seconda dispensa, il papa ha il diritto di permettere ad un aspirante cattolico al presbiterato il matrimonio e l’ordinazione. Ma questo avviene in pochissimi casi.
Il dibattito
Gli attuali modelli esplicativi del celibato sono piuttosto insufficienti e sono nati dall’Alto Medioevo sulla base di un sostegno teologico carente. Un argomento è che Cristo visse da celibe e che non ci sono indicazioni univoche nella Sacra Scrittura che Cristo abbia avuto una moglie. Un secondo argomento deriva dal versetto del Vangelo di Matteo 19,12. Qui Gesù parla del celibato come di un dono di Dio che deve essere usato per giungere alla pienezza, poiché alcuni uomini per volontà di Dio si sono destinati al celibato.

Non c’è alcuna spiegazione convincente univoca per il celibato. Ha la sua utilità nel mantenimento della purezza cultuale e della raggiungibilità nel servizio presbiterale.

I sostenitori del celibato non vedono neppure alcun motivo per la sua revoca poiché in definitiva il numero delle ordinazioni presbiterali non aumenterebbe in maniera durevole. Lo si vede nella Chiesa protestante che ha dovuto anch’essa fare i conti con una stagnazione delle ordinazioni. Tralasciamo di considerare che ci possono essere altri problemi che riguardano la Chiesa protestante che potrebbero essere il motivo per le sue scarse ordinazioni.

L’ordinazione di “viri probati”, di diaconi con esperienza sarebbe una tappa intermedia. Prima si permette il passaggio da diaconato a presbiterato e si prova questa forma di vita. Da un lato si può vedere concretamente quanti diaconi permanenti userebbero la possibilità di assumere la funzione di presbitero. Dall’altro lato si potrebbe esaminare se le condizioni di vita di un prete siano compatibili con il fatto di essere anche marito e padre di famiglia.

Infine, l’ammissione al presbiterato di “viri probati” revocherebbe il dovere del celibato e permetterebbe un celibato liberamente scelto da parte dei preti. Poiché non ci sono dimensioni né teologiche né di diritto canonico a che impediscano che i preti possano essere sposati, il cambiamento realtivo al celibato sarebbe una decisione amministrativa della Chiesa.
Le Chiese ortodosse non trovano inadeguata la presenza di chierici sposati, considerano invece il celibato come una differenza necessaria tra monaci e preti. Nella Chiesa cattolica i preti sposati sono già accettati in misura minore. Lo mostrano le Chiese di rito orientale in comunione con la Chiesa cattolica.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Chiesa/Chiese e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...