“La Colpa di mio Padre” di Chloè Barreau: lo scandalo del prete che lascia il sacerdozio per sposare la donna che ama


di Sarah Mataloni in oubliettemagazine.com

La colpa di mio padre” (film di Chloè Barreau), racconta con grande capacità analitica e fine sensibilità, la storia di un grande amore e di un “grande scandalo”: l’incontro tra Jean Claude Barreau (prete della diocesi di Parigi molto conosciuto) e Segolene (appassionata cattolica, molto impegnata nel sociale), genitori della regista.

Nel settembre del 71, Padre Jean Claude Barreau, molto conosciuto e apprezzato nella diocesi di Parigi, decise di lasciare il sacerdozio per sposare la donna che amava da due anni: fu un vero e proprio scandalo, che portò la questione sulle copertine di molti settimanali, e perfino in un dibattito in tv, in cui Jean Claude,fu chiamato a difendersi dalle accuse provenienti dalla Chiesa “lei ha lasciato il Signore per una donna… la crisi della chiesa comincia con lei”.

La vicenda è raccontata dallo sguardo attento e minuzioso di una figlia, che quarant’anni dopo, decide di tornare sulla vicenda, regalando al pubblico una visione d’insieme della figura di padre Claude Barreau, di un grande amore che vince su ogni ostacolo e della società di allora.

Risalta e colpisce la storia e l’aspetto umano di padre Barreau: l’adolescenza trascorsa con il nonno, gli anni del seminario, la capacità, durante i suoi anni di impegno nel sociale, di essere veramente vicino alle situazioni difficili, (in primo luogo ai giovani sbandati) senza traccia di rigidità o ottusità tipiche di alcuni ambienti conservatori.

La colpa di mio padre” è la storia di un amore, ma è anche un grande atto di onestà: la presa di consapevolezza da parte di padre Barreau di non poter più far parte della Chiesa, (perché folle d’amore per una donna) la decisione di voler cambiare vita, e di voler condividere i propri giorni e i propri sogni con un’altra persona perché non ne può fare a meno.

Come nasce l’amore al primo sguardo?

Quel momento in cui ci si riconosce, e si sente per uno sconosciuto uno strano bisogno, complicato e impossibile.

La risposta è da qualche parte dentro di sé, laddove ci sono le ferite.

Ce l’abbiamo tutti, un posto così”.

La sua è una scelta che sembra dettata dalla coscienza di un uomo libero interiormente: accusato di preferire una donna alla Chiesa, (durante un talk show) Padre Barreau risponde di sentirsi a posto con la propria coscienza e i suoi sguardi, le sue parole, rispecchiano perfettamente il senso di questa profonda libertà interiore.

L’aspetto più interessante del documentario, è il perfetto bilanciamento delle diverse storie che si intrecciano e si confondono: le vicende personali dei due genitori, (per altro molto simili ) la loro storia d’amore, i due anni di passione  clandestina, l’accanimento della stampa e dell’opinione pubblica.

Attraverso materiale dell’epoca, (il famoso talk show televisivo) interviste ai genitori, fotografie, immagini, Chloè Barreau ci racconta la storia dalla sua prospettiva, riuscendo a regalare al pubblico la fotografia di un’epoca con le sue caratteristiche e contraddizioni, senza tralasciare l’aspetto emotivo  che in alcuni tratti riesce a toccare zone del nostro inconscio arrivando a commuovere.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Film, libri, siti... e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...